AgustaWestland

Siti Consigliati

EMMECI eventi” in stretta collaborazione con il prestigioso Museo AGUSTA di Cascina Costa avvalendosi della consulenza storica del Gruppo Lavoratori AGUSTA Seniores, propone una mostra itinerante con protagonista l'auto che il conte Domenico Agusta acquistò il 26 Novembre 1952 per coronare un anno particolarmente importante per la sua Azienda: l'accordo con Larry Bell per la costruzione di elicotteri e la vincita del primo Campionato del Mondo di Motociclismo per la "Meccanica Verghera". Dal 1946 al 1976 si aggiudicherà 37 Mondiali Marca e 3028 vittorie su tutti i circuiti mondiali.
Con questa auto, riportata alla luce dopo oltre 50 anni durante i quali è sempre rimasta nel garage della proprietà famigliare e che oggi appare in ottimo stato di conservazione e mai restaurata, il conte spesso seguiva la propria Squadra Corse. Un uomo carismatico, tenace e creativo, valente intenditore sia nel settore aeronautico sia in quello motoristico. Negli anni difficili del dopoguerra fondò, nel 1945, la casa motociclistica per non disperdere l’alta professionalità aeronautica delle sue maestranze.
Volle fortemente la realizzazione della 500 "Tre cilindri", la motocicletta da competizione più titolata con 147 successi, seguendone lo sviluppo ed esigendo che a portarla in gara fosse un pilota italiano. E così fu: Giacomo Agostini, 13 volte Campione del Mondo su MV AGUSTA.
Durante le gare stava accanto ai suoi uomini così pure durante i preparativi presso il Reparto Corse, assistendoli anche in piena notte.

Quest'auto, la cui manutenzione fu sempre affidata dal Reparto Corse, in particolar modo a Fortunato Libanori e Lucio Castelli, è testimonianza di un'epoca irripetibile, ancor oggi è vanto italiano nel mondo; una leggenda che è mantenuta viva e visibile presso il Museo AGUSTA, laddove si custodisce la storia commerciale e sportiva delle moto e si prende conoscenza delle straordinarie innovazioni tecniche applicate sugli elicotteri.
Rendere protagonista l'auto del conte Domenico Agusta significa dare elevato valore aggiunto ad eventi di ogni genere, con la certezza che essa potrà coinvolgere i presenti grazie al fascino che porta con sé. Una preziosa mostra di oggetti e immagini provenienti dal Museo posizionati accanto alla vettura completano l'esposizione.
Un sincero pensiero di gratitudine alla famiglia Agusta, alla Fondazione Museo AGUSTA, al Gruppo Lavoratori AGUSTA Seniores e a tutte quelle persone che con orgoglio hanno permesso e tutt’ora permettono di scrivere ammirevoli ed entusiasmanti pagine della storia AGUSTA, in Italia e nel mondo.

Enrico Sironi,
dal 1952 al 1977 presso M.V. AGUSTA
dal 1977 al 1992 presso Progetti trasmissioni elicotteri AGUSTA

 

TGCOM24 MEDIASET
La Cadillac “Series 62 Sedan” del 1952, uno splendido esemplare conservato e appartenuto al Conte Domenico Agusta, apparsa recentemente su uno dei mensili specializzati nel settore storico più diffuso in Italia.
RUOTECLASSICHE editoriale DOMUS
Le "Golden Anniversary" conservate in modo così esemplare sono davvero poche in tutto il mondo.
ASI Automotoclub Storico Italiano
La Cadillac “Series 62 Sedan” del 1952, uno splendido esemplare conservato e appartenuto al Conte Domenico Agusta